TutelaImmobiliare

Assicura i tuoi beni e tutelati per tempo.

Proteggi i tuoi immobili.

Scopri le Soluzioni.

TutelaPatrimonio

Non lasciare che un errore comprometta il tuo futuro.

Tutela Patrimoniale.

Scopri le Soluzioni.

Risanamento Aziendale

Non lasciare che un errore comprometta il tuo futuro.

Tutela Patrimoniale.

Scopri le Soluzioni.

Anatocismo: vademecum per il recupero degli interessi

In questo periodo di incertezza dei mercati, le banche hanno avuto un’ enorme responsabilità nel fallimento di piccole e medie imprese, a causa di costi altissimi nei conti correnti, tassi elevati e contratti capestro con clausole illegali, la più onerosa tra queste “l’anatocismo bancario”. Infatti almeno 3,5 milioni di cittadini, imprenditori e privati, che hanno avuto prestiti e fidi dalle banche negli ultimi 50 anni, hanno avuto a che fare con “l’usura legalizzata” denominata anatocismo, ovvero si sono visti capitalizzare ogni tre mesi degli interessi su altri interessi.

Tuttavia dopo l’ultima sentenza della Cassazione n. 24418 del 2/12/10 a Sezioni Unite, che ha decretato il definitivo divieto di questa prassi truffaldina, i correntisti se hanno conservato tutti gli estratto conto, possono fare ricorso al Tribunale, con la certezza di riavere gli interessi recepiti dalle banche illegalmente. L’Associazione dei Consumatori Adusbef ha infatti messo a punto un vademecum per la restituzione degli interessi da anatocismo.

In meno di due mesi dalla sentenza sono già arrivate all’Adusbef oltre 4.000 lettere di richiesta di risarcimento che i correntisti hanno così inoltrato alla propria banca. Hanno diritto al ricalcolo sia le persone fisiche (commercianti, artigiani, agricoltori, liberi professionisti) che le persone giuridiche (società) e per queste ultime inoltrerà la domanda il consulente legale rappresentante. Tuttavia per ottenere informazioni dettagliate e assicurarsi un recupero totale, è opportuno affidarsi ad un consulente a cui verranno consegnati tutti gli estratti conto ricevuti dalla banca e il contratto tra banca e cliente. La documentazione completa è necessaria sia per avviare la causa e sia per ottenere somme più cospicue, in quanto più si torna indietro nel tempo con il ricalcolo e maggiori sono gli interessi da recuperare.

 (Fonte: Repubblica.it)