TutelaImmobiliare

Assicura i tuoi beni e tutelati per tempo.

Proteggi i tuoi immobili.

Scopri le Soluzioni.

TutelaPatrimonio

Non lasciare che un errore comprometta il tuo futuro.

Tutela Patrimoniale.

Scopri le Soluzioni.

Risanamento Aziendale

Non lasciare che un errore comprometta il tuo futuro.

Tutela Patrimoniale.

Scopri le Soluzioni.

Crack Parmalat: assolte tutte le banche


I giudici del Tribunale di Milano hanno assolto “per non aver commesso il fatto” o “perché il fatto non sussiste”, le quattro banche estere imputate di aggiotaggio informativo (articolo 231) in relazione al crack Parmalat. Il Tribunale, pur riconoscendo l’esistenza del reato di aggiotaggio, ha ritenuto che non ci sia la prova del concorso tra gli ex vertici del gruppo Parmalat, le banche e i banchieri. Le banche assolte sono: Morgan Stanley, Bank of America, Citi e Deutsche Bank. Il tribunale ha assolto anche cinque manager bancari, per cui erano state chieste condanne da un anno a un anno e quattro mesi.

Per le banche invece la procura aveva chiesto una sanzione pecuniaria complessiva di 3,6 milioni di euro (900mila euro per istituto) e la confisca di oltre 120 milioni di euro. Nel dettaglio, i pm avevano chiesto la confisca di 5,9 milioni di euro per Morgan Stanley, di 14 milioni di euro per Deutsche Bank, di 70 milioni di euro per Citi e di 30,7 milioni per Bank of America. Mentre le banche esultano ed esprimono la loro soddisfazione, i consumatori invece non si danno pace. Tra i piccoli investitori, oltre 2 mila che erano parti civili al processo non verranno risarciti, a meno di un’azione civile. E questo ha provocato una dura reazione delle associazioni: il Codacons che ha definito le decisione “vergognosa” e Adicom, ha bollato la sentenza come “scandalosa”. “Una truffa di questo genere – ha sottolineato l’Adicom – non sarebbe stata possibile senza la ‘collaborazione’ delle banche che hanno collocato i titoli”.

I pm non sanno ancora se impugneranno la sentenza, prima dell’avvio del giudizio di secondo grado, per paura di veder cancellato il processo a causa della prescrizione.

(Fonte: il Messaggero)