TutelaImmobiliare

Assicura i tuoi beni e tutelati per tempo.

Proteggi i tuoi immobili.

Scopri le Soluzioni.

TutelaPatrimonio

Non lasciare che un errore comprometta il tuo futuro.

Tutela Patrimoniale.

Scopri le Soluzioni.

Risanamento Aziendale

Non lasciare che un errore comprometta il tuo futuro.

Tutela Patrimoniale.

Scopri le Soluzioni.

Inchiesta sull’italiano più ricco d’Africa. Un impero che oggi guarda all’Italia attraverso un trust di diritto inglese

Grande inchiesta del Sole 24 Ore a firma del giornalista Claudio Gatti sugli affari di Gabriele Volpi, oggi cittadino nigeriano, leader in Nigeria nella logistica petrolifera sin dai primi anni 80. Suo socio importante è stato il facoltoso nigeriano Atiku Abubakar, ex vicedirettore delle locali dogane e poi potente vicepresidente della Nigeria. Come spesso accade negli stati africani, si indaga sull’arricchimento personale del signor Abubakar e famiglia e sui possibili collegati abusi di potere, sia a cura della commissione nigeriana sui crimini economici e finanziari sia attraverso la commissione permanente di inchiesta del Senato Usa.

Eppure all’assunzione della vicepresidenza del paese africano Abubakar aveva deciso di affidare le sue attività economiche a un blind trust, finalizzato proprio ad escludere conflitti d’interesse autoseparandosi dalla gestione, purtroppo non un trust indipendente ma, si è rilevato dopo, una fiduciaria di diritto panamense. Attraverso trust si è svolta poi tutta l’attività di guida e sviluppo dell’intero gruppo, spesso con Gabriele Volpi nel ruolo di trustee.

In Italia Volpi è sempre tornato in vacanze, sul suo yacht e a seguire gli interessi nello sport locale nella Liguria di cui è originario, la società Spezia Calcio e la squadra di pallanuoto storica Pro Recco: ultimamente ha istituito un trust di diritto inglese, dove ha conferito parte del suo patrimonio, che è proprietario della società Santa Benessere & Social, impresa che ha un progetto per lo sviluppo di uno dei porti turistici più belli della costa, Santa Margherita Ligure.

Roma, mercoledì 1 agosto 2012

Fonte: Sole 24 Ore